21- 22 DICEMBRE 2017

gio-ven ore 20.30

 

il TEATRO ARGOT STUDIO

ospita

 

LINEE LIBERE

PETER PAN

 

da James M. Barrie

regia Irene Di Lelio

con Olimpia Ferrara, Eliseo Pantone, Andrea Perotti e Lorenzo Tolusso

foto Caterina Valletti

grafica Silvia Formenti

collaborazione scenografia Gilberto Cacciamani

canto laguna delle sirene Carlotta Mangione

 

Peter è di un giovane uomo senza carne, fatto di aria e con un’identità che si poggia sulle nostre suggestioni che gli danno vita. Potrebbe appartenere ad ognuno di noi. Ci parla e ci chiede di staccarci dalla nostra quotidianità e di seguirlo in un’isola che non esiste, anch’essa forse creata dalla nostra fantasia.

 

 

 

 

 

 

 

Sito ufficiale: https://www.lineelibere.org/peter-pan-1

 

La visione che proponiamo di quest’opera, non si focalizza, come molti interpreti hanno fatto in precedenza, sull’impertinente insistenza di un bambino che non vuole crescere e diventare grande. La caratteristica del personaggio di Peter che invece ci interessa studiare, è di un giovane uomo senza carne, probabilmente fatto di aria, con un’identità che si poggia sulle nostre suggestioni che gli danno vita. Potrebbe appartenere ad ognuno di noi, ci parla e ci chiede di staccarci dalla nostra quotidianità e seguirlo in un’isola che non esiste, anch’essa forse creata dalla nostra fantasia. E’ apparentemente innocuo, ma è descritto da Capitan Uncino come un “demonio”.Questo giovane uomo ha il terrore del futuro. L’importate per lui è l’attimo presente e come questo prende vita e si modifica. Il suo corpo è fatto dalla sua sola anima che ci accompagna e ci fa imbattere nei nostri desideri e tormenti più profondi che teniamo nascosti, scollandoli e mettendoli in un cassetto, come l’ombra di Peter che sembra avere una propria coscienza. Questo testo è anche una possibilità di riflessione sul Teatro, sulla sua grande capacità di accompagnarci in un mondo surreale, attraverso le metamorfosi dei corpi degli attori, esattamente come quelle dei corpi dei tre fratelli Wendy, Ganni e Michele e attraverso l’invenzione di storie e luoghi diversi dalla nostra realtà quotidiana.

Il Teatro è una delle più belle chance che abbiamo per riflettere e lavorare su temi, aspetti e anime che, come Peter Pan, non sono fatti di carne ma sono spiriti che, attraverso il sostegno della nostra fantasia e dei nostri corpi, facciamo diventare reali.

Irene Di Lelio

Circolo culturale Argostudio | Via Natale del Grande 27 00153 Roma (Trastevere) | tel 06 5898111 | info@teatroargotstudio.com | p.iva : 08154421005 c.f. 06932070581

powered by danilochiarello.com

Clicking on 'OK' or using this website, you accept our cookie policy. OK