ANTICIPAZIONI 2019: la seconda stagione di Argot Studio

Tra le caratteristiche principali che contraddistinguono il Teatro Argot Studio c’è quella di adattarsi e adeguarsi al tempo presente. A quel concetto effimero e sfuggente di contemporaneo che da sempre ha caratterizzato la ricerca di questo spazio/palestra.

Soltanto un folle avrebbe potuto convincere i tanti spettatori che negli anni ci hanno sostenuto, che all’interno del condominio di via Natale del Grande, 27 si nascondeva un teatro. Personalmente credo di aver ereditato questa follia come carattere genetico e ogni anno rinnoviamo questo folle volo con un tacito patto che coinvolge artisti, spettatori e operatori. Ancora una volta pronti a risorgere dalle nostre ceneri, reinventando le possibilità di ‘spazio’, adeguando il concetto di ‘limite’, tradendo la concezione stessa di ‘tempo’. L’Argot è uno straordinario esempio di paradosso nel tessuto della realtà.

Con questa fiera incoscienza, nel 2019 rilanceremo proponendo una nuova stagione di ospitalitàl’Argot allarga lo sguardo all’esterno, accogliendo spettacoli fortemente innovativi e compagnie che utilizzano linguaggi di scena completamente nuovi, diventando un’officina/laboratorio protetta, ma prestigiosa dove mettersi alla prova nella Capitale. Voglio per questo ringraziare la serie di artisti di razza, di capitani coraggiosi che quest’anno prenderanno parte a questa avventura, sfidando insieme a noi i mari dell’economia capitalistica per continuare a produrre sogni in nome dell’amore per il Teatro: Margine Operativo; Fabiana Iacozzilli/Lafabbrica; Menoventi; Kronoteatro; Trento Spettacoli/Woody Neri/ Andrea Baracco; La Corte Ospitale/Compagnia Della Valle-Petris; Gianluca Merolli; Toscana Spettacoli/Oscar De Summa/Ciro Masella; Fabrizio Martorelli/Gianluca Ariemma.

Tra gli ospiti di casa Argot tornerà anche l’Odin Teatret di Eugenio Barba, nuovamente a Roma per presentare una nuova opera e come loro peculiare caratteristica torneranno ad abitare molti spazi della capitale tra cui il nostro.

Non potevano mancare all’appello alcuni progetti speciali e residenze artistiche previste nel 2019, tra cui Adriano Pantaleo/Nest_Napoli Est Teatro e il Festival Inventaria, in rete con i principali spazi off romani.

Riprenderemo la formazione del pubblico con i laboratori di critica, scrittura, storytelling e drammaturgia e naturalmente i workshop di alta formazione per attori, rinnovando la complicità con l’Università La Sapienza, Teatro e Critica, lo Studio De Fazio, Laura Nest/Davide Lepore/Tecnica Meisner Roma. Non mancano proposte anche per chi al teatro vuole avvicinarsi per gioco e passione con il Laboratorio ZappAttori e il Laboratorio Costruzioni di Favole, dedicato ai più piccini e curato da Linee Libere.

Prosegue con rinnovato vigore la collaborazione con il progetto Dominio Pubblico, figlio dei teatri Argot e Orologio. Quest’anno Argot Produzioni e Dominio Pubblico daranno vita ad una nuova avventura chiamata OVER, una rassegna dedicata ai talenti ancora inesplorati della scrittura scenica, della regia e dell’arte performativa. Una serie di artisti su cui scommettere e che saranno nuova linfa vitale per il Teatro Italiano. Parola di Argot.

Direzione Artistica
Tiziano Panici

MARGINE OPERATIVO – FABIANA IACOZZILLI / LA FABBRICA – MENOVENTI – KRONOTEATRO – TRENTO SPETTACOLI / WOODY NERI / ANDREA BARACCO – CORTE OSPITALE / DELLA VALLE-PETRIS – GIANLUCA MEROLLI – TOSCANA SPETTACOLI / OSCAR DE SUMMA / CIRO MASELLA – FABRIZIO MARTORELLI